Inside the Beauty Case

Charity Pot, la crema Lush per un mondo migliore

Posted on: 19 maggio 2016

Comprando Charity Pot, uno dei best seller di Lush in fatto di body-care,  negli ultimi mesi ti sei battuta con il brand inglese contro il riscaldamento globale e l’uso dei combustibili fossili. Per i profughi dei campi siriani e palestinesi o per la difesa dei cetacei. E per dare una vita migliore ai bambini più poveri di Roma e momenti di vita sana a quelli di Fukushima. Come anche per le unioni civili e per salvare gli animali disabili dall’eutanasia.

Un prodotto buono in tutti i sensi, insomma.

 

CharityPot-Lush-1

 

Soprattutto grazie al ricavato della vendita di questo trattamento in crema (un tempo consciuto in Italia con il nome di Sua Bontá), Lush contribuisce da anni alla tutela dell’ambiente, alla protezione degli animali e alla difesa dei diritti umani e delle minoranze.

Questa splendida crema per il corpo dal profumo fiorito, quindi, fa bene alla pelle e sostiene buone cause.

 

CharityPot-Lush-3

 

In tutto il mondo, il piú noto marchio di cosmetica hand made si impegna nel dare una mano alle associazioni e alle iniziative locali che lottano per un cambiamento durevole e una società più giusta, dovunque nel mondo.

Protagonista di questo cambiamento sei anche tu, cliente Lush, nel momento in cui acquisti questa meravigliosa crema per mani e corpo che propone un modo nuovo di sostenere le associazioni senza fini di lucro.
Ogni euro speso per comprare Charity Pot (meno l’IVA che va allo stato), infatti, viene devoluto a piccole associazioni attentamente selezionate che corrispondono all’etica Lush e alla sua visione del mondo di domani.

 

CharityPot-Lush-2

 

Charity Pot è buonissima anche nel contenuto.
Scegliere ingredienti sostenibili ed etici è una parte importante di questo progetto: burro di cacao della Peace Community in Colombia, olio di moringa e aloe fresca dei progetti SLush Fund di permacultura in Kenya e Ghana, palissandro peruviano e olio d’oliva equosolidale di un gruppo israelo-palestinese sono alcuni degli ingredienti equosolidali che troverai in questo vasetto.

Acquistando gli ingredienti da cooperative pacifiste che lavorano in zone di conflitto, inoltre, Lush consente ai contadini di ricevere una remunerazione equa per i loro prodotti di alta qualità, e allo stesso tempo offre alla tua pelle il miglior prodotto possibile.

 

CharityPot-Lush-4

 

Il marchio britannico sostiene essenzialmente gruppi di attivismo e associazioni di piccole dimensioni che lavorano su temi per i quali è spesso difficile reperire fondi.

Se fai parte di un’associazione attiva sul territorio, dopo aver verificato i criteri di selezione passa nel negozio Lush più vicino alla tua associazione per candidarla per un Charity Party.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inside the Beauty Case – Il blog


Novità, classici, recensioni, opinioni ed informazioni dal mondo della cosmesi femminile

Archivio

Categorie

Autori del blog

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 191 follower

Seguici su Twitter

Diventa fan su Facebook

La fanpage di Inside the Beauty Case su Facebook

Calendario

maggio: 2016
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Attenzione

Questo blog è aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica, pur essendo l'amministratrice dello stesso una giornalista. "Inside the Beauty Case", pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Il blog, inoltre, non è in alcun modo legato ad aziende di cosmesi, per cui ogni contenuto è da ritenersi libero da influenza o legame con attività commerciali di qualsivoglia marchio del settore.

Make Up Awards 2011

Make Up Awards 2011 by MakeUpWorld Italia

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Blog360gradi – L’aggregatore di notizie a 360 gradi provenienti dal mondo dei !

intopic.it

Credits

Grafica: Annarita Zito
Tema: Design Disease per WordPress
Gestione Contenuti: Annarita Zito
Impaginazione: Annarita Zito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: